Ads

Recent Post

Rocking Rolling Rounded Menu with jQuery and CSS3

Stendi i panni. E “stenderai” la C02

È scientifico, confermato da una ricerca autorevole: la lotta contro il riscaldamento globale inizia in casa: esistono criteri semplici, da adottare come singoli cittadini, che consentono di ridurre le emissioni di gas serra.

Non c’è bisogno di aspettare che venga applicato il protocollo di Kyoto. E neppure che il presidente Obama e gli altri governanti del pianeta si decidano a tagliare le emissioni nazionali di gas serra.
È sufficiente che gli americani si impegnino a stendere i panni ad asciugare all’aperto (più 16 altre semplici operazioni e abitudini “verdi”, vedi l’elenco a fondo pagina) per ridurre del 7,4% le emissioni di gas serra statunitensi da qui al 2019.

Provocazione? A prima vista sembra una sciocchezza o una forzatura, ma è così: saranno i popoli a salvare il pianeta con i loro comportamenti energetici e ambientali più virtuosi.
È questo il succo di una ricerca pubblicata sulla prestigiosa rivista Proceedings of the National Academy of Science (PNAS) degli Stati Uniti. È il primo e più completo studio economico e sociologico che, dati alla mano, dimostra scientificamente e precisamente l’impatto delle azioni domestiche.

Lo studio. Thomas Dietz della Michigan State University e il suo team ha calcolato l’impatto di 17 azioni specifiche in termini di emissioni di CO2 . Li ha stimati in modo preciso sulla basse dello stile di vita degli statunitensi e sulle capacità di persuasione di politiche di incentivi e di comunicazione
Secondo i calcoli, si potrebbe arrivare a diminuire del 20% le emissioni domestiche annue degli Stati Uniti. Se tutti gli americani seguissero i consigli di Dietz, gli Usa potrebbero ridurre le loro emissioni totali del 7,4 per cento in dieci anni. Un traguardo di tutto rispetto considerando che, nei dieci anni che hanno seguito l’approvazione del Protocollo di Kyoto, la stragrande maggioranza delle nazioni coinvolte non è riuscita a raggiungere neanche l'obiettivo di ridurre le emissioni del 5,2%.

Americani spreconi. Il limite dello studio di Dietz è che il calcolo è fatto soltanto sugli americani che hanno un’impronta di carbonio pro capite molto superiore a quella del resto del mondo (è il doppio di quella svedese o francese). Ma è anche altrettanto facile concludere che se anche in Europa si applicassero le 17 regole, queste avere effetti benefici anche nel resto del mondo.


Ma quali sono le 17 regole d'oro studiate da Dietz? Eccole.

1. Isolare meglio la casa.
Installare sistemi efficienti di isolamento, come la finestra con doppio o triplo vetro per evitare dispersioni di calore o i pannelli isolanti sui tetti. Isolando la casa con un sistema a cappotto si possono risparmiare circa 630 kg di CO2 all'anno.

2. Centralizzare il sistema di condizionamento di casa.
Quando si cambia il condizionatore, meglio sceglierne uno a basso impatto e soprattutto centralizzato.

3. Risparmiare acqua.
Chiudere la doccia quando non la si usa; chiudere il rubinetto mentre ci si lava i denti o ci si rade (quest'operazione, per esempio, già permette in Italia, di "risparmiare" 60 kg di CO2 a testa all'anno); utilizzare i miscelatori aria/acqua che ci fanno consumare 4 litri di acqua in meno al minuto.

4. Scaldabagno: sceglierne uno efficiente.
Si consuma meno elettricità e si evitano sprechi. In più, in Italia, da gennaio 2009 gli impianti di riscaldamento dell'acqua sanitaria di tutte le nuove abitazioni devono funzionare con il solare termico almeno per il 50%: la metà dell'acqua calda sarà ottenuta grazie al Sole.

5. Utilizzare apparecchiature domestiche più efficienti.
Quando è ora di cambaire frigoriferi, televisori, lavatrici, ecc., meglio optare su quelli con marchio Energy Star che ne attestano l’efficienza (cioè il minor spreco di energia) rispetto agli altri.

6. Usare pneumatici a basso coefficiente di attrito.
Minimizzano l’energia persa come calore quando gli pneumatici rotolano sulla strada.

7. Guidare auto a basso impatto.
Quando è il momento di cambiare l’auto, scegliere una motorizzazione con emissioni di CO2 inferiori: piccola cilindrata o auto ibride (leggi anche la nostra guida alla scelta dell'auto).

8. Pulire i filtri del condizionatore.
Pulire i filtri dei condizionatori e cambiarli regolarmente.

9. Manutenere il condizionatore.
I condizionatori d'aria - soprattutto negli USA - sono sovrauttilizzati. Curarne la manutenzione evita sprechi. Ma se d'estate lo si tiene spento per 4 ore, il risparmio è ancora maggiore.

10. Manutenere regolarmente l'automobile.
Filtri dell'olio puliti, parti del motore lubrificate, pneumatici in ordine non soltanto garantiscono più sicurezza, ma permettono alla vettura di consumare meno benzina per funzionare.

11. Fare il bucato a temperature più basse.
10 gradi in meno di temperatura equivalgono a un risparmio energetico del 10%. Scegliere cicli di lavaggio ecologici e ricordarsi di utilizzare lavatrici (e lavastoviglie) preferibilmente a pieno carico: si risparmia acqua ed elettricità.

12. Abbassare lo scaldabagno.
Tenere al minimo la temperatura degli scaldabagni elettrici, che divorano fiumi di energia.

13. Prestare attenzione alle piccole cose in casa.
Ci sono comportamenti quotidiani corretti che permettono di abbassare l'impronta di carbonio di caiscuna casa: spegnere le luci inutili; non lasciare gli elettrodomestici o i pc in stand by; non mettere nel frigorifero oggetti ancora caldi.

14. Usare i termostati.
Eliminare gli eccessi di caldo e di freddo intervenendo costantemente su termometri e temporizzatori. Anche se non avete il sistema di riscaldamento centralizzato potere inserire valvole per regolare la temperatura.

15. Stendere il bucato.
Le asciugatrici (molto usate negli Stati Uniti) sono tra gli elettrodomestici che divorano più energia. 20 lavaggi a 60 gradi seguiti dal passaggio nell’asciugatrice consumano una quantità di energia sei volte superiore rispetto a quella necessaria per produrre un capo d’abbigliamento.

16. Guidare piano.
Viaggiare al massimo a 90 chilometri all’ora, evitando accelerazioni e frenate continue.

17. Puntare sul car sharing.
Perché spostarci ognuno in un’auto quando all’interno di una vettura ci entrano 4-5 persone? Questa metodologia di “condivisione delle auto” è utilizzata nelle piccole comunità, ma sono proprio le grandi città ad averne più bisogno.
Share on Google Plus

About Spataro Carmine

by testintesta

    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento