Ads

Recent Post

Rocking Rolling Rounded Menu with jQuery and CSS3

Calabria itinerari suggeriti

Calabria ionica
Da Cirò Marina a Isola di Capo Rizzuto, passando per Crotone e dintorni.

Rinomata per le acque cristalline che bagnano le sue coste, Cirò Marina è una delle località più frequentate della costa ionica. Non solo turismo balneare, però, anche storia e arte arricchiscono il viaggio in questa parte della Calabria grazie alle numerose testimonianze archeologiche da ammirare, come il tempio di Apollo Aleo, risalente alla fine del VI sec. a.C, nell'area sacra di Punta Alice. Gran parte del materiale rinvenuto durante le campagne di scavo - come vasellame, oggetti in ceramica e produzioni di varie epoche - è confluito nel Museo Civico Archeologico allestito presso Palazzo Porti, nella centralissima Piazza Diaz.

Bisogna percorrere un po' di chilometri di costa pianeggiante prima di arrivare a Crotone, ammirando la natura che da queste parti si manifesta con una ricca varietà di fiori e di piante che crescono anche sulle scogliere grazie alla mitezza del clima. Per gli amanti dei borghi antichi, vale la pena deviare il percorso verso l'interno e fare una sosta al borgo bizantino di Santa Severina, città di origini antichissime, annoverato nel club dei "Borghi più Belli d'Italia". Il borgo sorge su uno sperone di roccia tufacea e porta nell'assetto urbanistico i segni della dominazione greca e bizantina: l'edificio più rappresentativo è certamente il Castello, eretto da Roberto il Guiscardo, recentemente riportato all'antico splendore.

Crotone è il centro più grande di tutta la zona, città divisa in due parti, quella nuova e quella vecchia: la movida notturna si raduna su via Cristoforo Colombo, il vibrante lungomare cittadino. Simbolo della città vecchia è il castello di Carlo V, possente baluardo che domina il porto, costruito per difendere la città dagli assalti provenienti dal mare, al cui interno è allestito il Museo Civico che espone un'affascinante collezione di armi medievali come balestre, spade, pugnali e armature. Per il centro storico, poi, è facile imbattersi in chiesette secentesche ed eleganti edifici di epoca barocca.

A Capo Colonna, alcuni chilometri più a sud, promontorio che delimita l'estremo occidentale del Golfo di Taranto, una colonna solitaria si erge come punto di riferimento dei naviganti: è l'ultima colonna del Tempio di Hera rimasta ancora in piedi. A pochi metri di distanza c'è Torre Nao, una torre medievale costiera che ospita l'Antiquarium, ovvero una raccolta di archeologia subacquea rinvenuti nei fondali del crotonese.

Questa torre spagnola segna l'inizio dell'Area Marina protetta "Capo Rizzuto" che comprende i comuni di Crotone e Isola di Capo Rizzuto. Divisa in tre aree, è una delle riserve marine più importanti del Mediterraneo, dove poter praticare numerose attività subacquee e di pesca-turismo: è possibile incontrare in questi fondali i simpatici pesci pappagallo, le cernie, ma anche i barracuda.

Chi volesse apprezzare il paesaggio di Capo Rizzuto, incontaminato e selvaggio, caratterizzato da una sabbia finissima e da un'alternanza di ampi promontori e insenature, da un diverso punto di vista, può compiere il periplo dell'intera costa in barca a vela, salpando dal porto turistico di Le Castella.
Share on Google Plus

About Spataro Carmine

by testintesta

    Blogger Comment
    Facebook Comment

0 commenti:

Posta un commento